Trapianto di barba

Il trapianto di barba rappresenta la soluzione migliore per quei pazienti la cui barba è poco folta, a chiazze o diradata per cause strutturali o in seguito a traumi, come cicatrici o ustioni. Il trapianto può anche essere consigliato contestualmente a un altro tipo di operazione, per nasconderne gli eventuali segni e cicatrici.

Rispetto alle vecchie metodologie, l’attuale tecnica di trapianto di barba è più semplice e garantisce risultati migliori.

In cosa consiste il periodo post-operatorio?

Trascorsa una settimana dall’operazione la zona trattata può presentare fenomeni di cicatrizzazione (croste). Al fine di prevenire e minimizzare il fenomeno al paziente viene consigliato l’utilizzo di particolari lozioni con le quali lavare la zona. Occorre inoltre evitare di radersi nei 10 giorni successivi all’operazione. Normalmente al termine di questo periodo, salvo particolari eccezioni, il paziente è infatti perfettamente in grado di tornare alle consuete attività giornaliere.

Così come avviene nel trapianto di capelli, anche nel trapianto di barba si evidenzia una caduta dei peli innestati a circa 3 settimane dall’operazione. Tale fenomeno è perfettamente normale e fa parte del decorso post-operatorio. Due mesi dopo l’operazione, infatti, i bulbi piliferi impiantanti inizieranno ad attivarsi e la barba inizierà a crescere. Tale processo potrà dirsi concluso in circa 9 mesi.

Come si svolge il trapianto di barba?

La durata dell’operazione varia a seconda dell’entità della zona da trattare da 1-1,5 fino a 5-6 ore. Anche il trapianto di barba, come quello di capelli, è effettuato in anestesia locale. Durante l’operazione il paziente non avverte dunque alcun dolore.

Impiegando la tecnica Fue, i bulbi piliferi vengono prelevati uno ad uno dalla zona posteriore della nuca, una regione in cui i capelli geneticamente sono più forti e non sono predisposti alla caduta. Dopo l’estrazione dei bulbi viene preparata la zona da trattare mediante l’apertura dei solchi piliferi. I canali così ottenuti sono estremamente sottili e non comportano la comparsa di cicatrici permanenti.

L’uso di innesti prelevati dallo stesso paziente garantisce un aspetto naturale e un risultato duraturo. Il trapianto di barba è un procedimento serio e preciso, che può essere realizzato in seduta singola o multipla a seconda dei casi.

TORNA SU